“Fotografia e pittura”: il 4 maggio grande serata aperta a tutti al FCC di #Mantova

Selfie Cossu

Gianni Cossu – Pres. FCC

Lunedi 4 maggio presso il Fotocineclub di Mantova si tratterà del rapporto tra pittura e fotografia. Partendo da mie conoscenze assolutamente basilari e accessibili da qualsiasi testo delle medie inferiori sulla storia dell’arte, propongo una rilettura delle opere pittoriche dal ‘600 ad oggi con un criterio da discente “fotografico”. I grandi del passato (Caravaggio, gli Impressionisti, Picasso e tanti altri fino a Magritte ed numerosi ancora) offrono spunti per un  intrigante parallelismo con tematiche e tecniche fotografiche, da una fonte di approfondimento stimolante e colta. Vedere con occhi e pennello e, d’altra parte, con obbiettivo e sensore ha molti punti in comune e la istintiva reverenza per i Mostri Sacri di entrambe le Arti va superata con le conoscenze già acquisite e rodate che ogni nostro Socio può vantare. Una proposta discorsiva e, mi auguro, stimolante, con l’audacia che solo i dilettanti possiedono e la voglia di imparare che i nostri affiliati hanno, negli anni, concretizzato in opere sempre più belle e mature. Tavolozza e reflex: non uno scontro ma un’alleanza, Al 4 maggio. Au revoir.

Gianni Cossu – Presidente del Fotocineclub di Mantova

Ricordiamo che la serata è aperta a tutti, anche per i non soci del Circolo Fotografico.

Serata-evento il 13 Aprile al FCC di #Mantova dedicata al fotografo Gian Butturini

Cari Soci del Circolo ed Amici simpatizzanti,

 
con grande piacere vi invitiamo ad una delle serate più attese di questa splendida annata all’insegna della Fotografia al Fotocineclub di Mantova.
 
Lunedì 13 Aprile dalle ore 21.00, infatti, dedicheremo l’incontro ad una fantastica retrospettiva dedicata al Fotografo di fama internazionale Gian Butturini.
 
Scomparso otto anni fa, rivivremo oggi più che mai la sua storia fotografica attraverso  una selezione delle sue migliori produzioni selezionate dalla figlia (presente alla serata), che per l’occasione ci mostrerà anche un video dedicato al babbo della durata di circa 30’.
 
La serata-evento, gratuita, è aperta anche ai non soci,  e per questo vi invitiamo a partecipare numerosi. (SIAMO QUI)
 
A presto.
 
Lo staff – FCC

Il Fotocineclub di #Mantova ospita Marco Brioni, “Incontrando l’umanità, l’India vista da vicino”

INCONTRANDO L’UMANITA’ L’India vista da vicino Fotografie di Marco Brioni

Lunedì 23 Marzo 2015 nella nostra sede, ospiteremo Marco Brioni ed il suo reportage per immagini dal titolo “Incontrando l’umanità, l’India vista da vicino”; vi aspettiamo dalle ore 21.00. Di seguito una breve descrizione e Biografia dell’autore.

Durante i miei viaggi ho sempre cercato di dare qualcosa, prima di ricevere. Ogni fotografia è stato un incontro, ogni incontro un’esperienza, ogni esperienza una sotria da raccontare. In questa proiezione cercherò di mostrarvi, tramite alcune mie fotografie fatte durante un viaggio in India, qual è il mio modo di intendere la fotografia, non solo di viaggio. Mi piacerebbe che ne scaturisse una serata di discussione non tanto sulle immagini proposte, quanto sul metodo, le modalità le finalità che ognuno di noi si prefigge quando preme il pulsante dell’otturatore.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Bio: dal 2006 al 2008 ha studiato fotografia presso il Ken Damy Fine Art Museum di Brescia. Nel 2006 Vince il premio giovani, categoria portfolio, al concorso nazionale “Gran tour delle Colline” (Firenze). A Mantova ha realizzato mostre personali e collettive presso la Feltrinelli, il Mamu, Palazzo della Ragione e Casa del Mantegna. Nel 2009 è stato curatore della manifestazione “Rintracciarti”. Grazie alla collaborazione con il collettivo “Pommefritz Crew”, ha esposto nell’ambito della Liverpool indipendent Biennial (2010) e del Norwich Fringe Festival (2011). Nell’ambito del collettivo Mantova Eyes da lui creato e diretto ha esposto alla Stockolm Supermarket Art Fair (2012), al Ventnor Fringe Festival (Isola di White – 2012), ad Art-Athina (2013) e all’Edinburgh Fringe Festival (2013). Dal 2014 organizza corsi di fotografia, corsi di Lettura dell’immagine e workshop fotografici all’estero.

Gli ospiti del Fotocineclub di #Mantova: lunedì 2 marzo è con noi Roberto Bertoni

“Dal canto del gallo a quello dei grilli (voci e atmosfere padane)”

Lunedì 2 marzo 2015 dalle ore 21 sarà ospite speciale del Circolo fotografico cittadino Roberto Bertoni con “Dal canto del gallo a quello dei grilli, voci e atmosfere padane”

Di seguito una breve presentazione dell’autore e della sua esposizione, vi aspettiamo!

2014-11-03 13.48.04_resizedRoberto Bertoni, nato a Suzzara, dove abita tuttora è un ricercatore storico-fotografico free-lance. Da molti anni documenta “gente, aspetti e costumi padani”. Sue fotografie hanno fatto il giro del mondo su calendari internazionali e utilizzate per diverse campagne pubblicitarie, sono apparse su riviste, hanno firmato copertine e corredato testi per oltre trenta libri fotografici e di narrativa, gastronomia e di storia, tra cui spiccano autentici capolavori come il suo grande best-seller “Novecento Addio” con testi di Stelio Villani edito da Publi Paolini MN, giunto alla 4^ edizione; “Civiltà Contadina” con testi di Giuliano Bagnoli edito da CDL di Finale Emilia, giunto alla 2^ edizione.

IMG_257658567526Nel 2007 e nel 2009 è stato scelto, insieme ad alcuni fra i più grandi fotografi italiani, quali, fra gli altri, Gianni Berengo Gardin, Luigi Briselli, Stanislao Farri, Pepi Merisio, Ezio Quiresi e Fulvio Roiter, a raccontare per immagini il Po dagli anni cinquanta ad oggi, nei due volumi: “Il Fiume dei Fiumi” e “Viaggio lungo il Po”, editi da Cierre edizioni Sommacampagna VR.

Ha inoltre al suo attivo numerose mostre fotografiche nazionali e internazionali, personali e collettive, ed altre in preparazione.

Dal 2006 al 2012 è stato membro effettivo del “Gruppo Fotografico Leica”.


DAL CANTO DEL GALLO A QUELLO DEI GRILLI (Voci e atmosfere padane)

IMG_196685819725

“L’opera di un autore deve essere in grado di raccontarsi da sè e la produzione fotografica del ricercatore suzzarese Roberto Bertoni è perfettamente in grado di farlo. Una enciclopedica galleria di personaggi colti nella loro particolare umanità costituisce il corpo della sua ricerca fotografica al quale fanno da importante corollario gli ambienti sempre intimi ed evocativi sia in interno che in esterno: ambienti nebbiosi e sudati, odoranti, languidi ed afosi che si fondano coi personaggi quali artefici e creature della loro terra.

I personaggi raccontati da Bertoni, uomini e donne, sono veri. Vere persone cercate, conosciute e amate attraverso luci naturali e calde che trascinano l’osservatore in un’atmosfera permeata di suoni, odori e sapori familiari seppure, forse, irrimediabilmente lontani,

Forse è proprio la costante sensazione del tempo che fugge a fare di questo lungimirante interprete della fotografia un eccezionale testimone di un microcosmo padano che nelle sue infinite pieghe, assomiglia tanto al mondo.

Dino Villani